Carrello
è vuoto

Home > Astrofotografia > Spianatore Campo & altri accessori Fotografici > ADC ed ottica adattiva > ZWO > Accessories > ZWO ADC Atmospheric Dispersion Corrector Mark II

ZWO ADC Atmospheric Dispersion Corrector Mark II

Prodotto n.: 49646
Produttore: ZWO

Prezzo di vendita consigliato: $ 187,00

Il nostro prezzo:
$ 171,00

IVA incl.
Risparmi: $ 16,00
ZWO ADC Atmospheric Dispersion Corrector Mark II
ZWO ADC Atmospheric Dispersion Corrector Mark II
Descrizione prodotto
Specifiche
Recensioni clienti

Descrizione del produttore:

Cos'è un correttore di dispersione atmosferica (ADC)?

Quando la luce di stelle e pianeti attraversa l'atmosfera terrestre, viene rifratta dallo strato di aria. L'intensità di questa rifrazione dipende dalla lunghezza d'onda; un fenomeno che viene definito dispersione, e che causa fastidiosi aloni ai margini delle immagini planetarie. L'atmosfera quindi agisce fondamentalmente come la lente di un telescopio con aberrazioni cromatiche. Questo significa quindi che anche utilizzando ottiche pregiate, e prive di aberrazioni cromatiche, si avranno questi aloni. La dispersione dell'atmosfera terrestre infatti non può essere corretta dall'ottica del vostro telescopio. Qui entra in gioco il piccolo dispositivo ADC: consiste, in sostanza, in due prismi ruotabili in vetro silicato. I prismi generano per così dire una propria aberrazione cromatica, che compensa quella della dispersione terrestre. L'ADC corregge così questo fastidioso fenomeno. La posizione dei prismi è regolabile tramite una piccola slitta.


A chi serve il correttore?

Il fenomeno della dispersione dipende molto dall'altezza sulla volta celeste dell'oggetto osservato. Più basso è l'oggetto più lunga è la strada che la sua luce deve fare attraverso l'atmosfera, e quindi più grande sarà la conseguente dispersione. Sono proprio i pianeti luminosi a essere spesso bassi all'orizzonte, specie quando ci si trova a latitudini elevate. Grazie all'ADC potrete osservare i pianeti con maggiore brillantezza e senza aberrazioni cromatiche non solo quando sono alti nel cielo, ma anche quando sono all'alba e al tramonto. Questo permette una notevole flessibilità nella scelta dei vostri orari di osservazione.

Gli aloni sono solo l'effetto più evidente della dispersione. Soprattutto in fotografia questo fenomeno è fastidiosamente visibile nei contrasti, come si può chiaramente vedere negli esempi riportati. Certo, è possibile aumentare il contrasto in fase di post-produzione, ma non senza perdita di risoluzione. Dato che l'impiego dell'ADC in fotografia è particolarmente utile, questo dispositivo è dotato su entrambi i lati di un innesto T2.

Per garantire l'elevato passaggio di luce, le superfici ottiche dell'ADC sono rivestite da un trattamento multistrato. Questo rivestimento è ottimizzato specialmente per l'astrofotografia, nel range compreso tra 200 e 700 nanometri.

Commento del nostro esperto:

L'uso dell'ADC dipende dal telescopio impiegato. Perché funzioni correttamente, il rapporto focale dovrebbe essere inferiore a f/10. È sempre il caso dei telescopi SC, tuttavia con altre ottiche potrebbe essere utile l'uso di una lente di Barlow.

Potete trovare consigli utili al tal riguardo nel nostro astro-blog: Il nuovo ADC di ZWO e L' ADC: un accessorio utile per le osservazioni planetarie

Come Barlow per l'ADC consigliamo: Omegon Correttore di tiraggio per torrette binoculari 1,25" 1,6x, oppure Omegon Correttore di tiraggio per torrette binoculari 1,25'' 2x.

(Bernd Gährken)

Principio di funzionamento
Esempio d'uso

23.09.2019
Spediamo in tutto il mondo
Valuta
Assistenza
Consulenza
Contatti
Universe2Go