Carrello
è vuoto

Nuova Rubrica: Siamo tutti Astro-testimoni (da balcone)

Cari amici astrofili ed astrofotografi, quella che vi propongo è la prima recensione del nostro nuovo tester italiano Maurizio R.,  il quale – con la sua rubrica – ci accompagnerà nei prossimi mesi in un viaggio tra accessori e strumenti ottici Omegon. Dimenticatevi della solita e, diciamo la verità, anche un po’ noiosa recensione. Questo appuntamento sarà come leggere un racconto a puntate, un romanzo pensato e scritto da un appassionato astrofilo come voi. Sarà come sedersi a tavola al ristorante e mangiare una buona pietanza, condita con un pizzico di ironia, di storia e tanta vita “astrofila” vissuta in prima persona. Spero possa piacervi.

Buona lettura!

PREFAZIONE

Non avrei mai creduto.. se qualcuno mi avesse informato qualche tempo fa.. che un giorno mi avrebbero proposto di divenire un tester per una grande ditta internazionale che è Astroshop. E’ successo così per caso neanche ci pensavo ed un giorno il responsabile per il mercato Italiano mi ha notato e contattato proponendomi di testare i prodotti Omegon… cosa avrei potuto rispondere.. ma certo che si!!!. Per me è fantastico, ma ritengo lo sarebbe per qualunque appassionato. Mi presento un poco, dunque mi chiamo Maurizio R. scrivo dalla Versilia in Toscana e sono passati molti anni da quando iniziai la mia formazione da Astrofilo Neofita a fianco del mio mentore che conobbi in una normalissima “dalle mie parti”, umida sera di Maggio del 1978 mentre portava a spasso il cane, io e i miei amici fantasticavamo sui racconti dei cartoni animati dei robottoni Giapponesi che alla fine degli anni 70 andavano tanto in voga, eravamo seduti su un marciapiede di fronte casa di uno dei miei compagni di gioco e quella sera guardavamo il cielo e le stelle provando a indovinare cosa stavamo guardando e fantasticando sull’universo, proprio in quel momento l’uomo con il cane che passava da li puntò il dito verso una stella color rosso e ci disse: …. “Quello è Marte!” fu grande lo stupore di noi giovani ragazzetti al sapere quella informazione alla quale susseguirono altre migliaia di domande, per me quell’esclamazione fu come dicono in America il “Fire Starter – La Scintilla”, probabilmente senza quella frase forse non sarei mai divenuto un appassionato di Astronomia.. chissà chiamiamolo Karma, fatto sta che da quell’evento e dalla mia curiosità e sopratutto dalla pazienza altrui… dopo milioni di domande che continuo a fare tutt’ora, (questo è un hobby che non si smette mai di imparare), anche dopo un 20ennio di osservazioni, e un poco di esperienza pratica e teorica fatta conoscendo alcuni personaggi mitici nell’ambiente Astrofilo, ma anche molti sconosciuti della vecchia scuola che praticavano questa passione con vero entusiasmo, e mi hanno insegnato tanto… Cercherò facendo del mio meglio, di spiegare e di descrivere approfonditamente questa strumentazione, che ammetto senza essere di parte, mi piace veramente molto. Lo spirito del giovane Neofita non si è mai sopito in me e questa nuova prova ha rinvigorito la fiamma che ogni notte mi spinge ad osservare il cielo e a pormi tante domande alla ricerca di un granello di polvere di conoscenza dell’universo, per questo ringrazio l’amico Michele Russo e Astroshop che hanno avuto fiducia in me nel condividere le mie impressioni con tutti gli appassionati di Astronomia e di strumentazione Astronomica per questa nuova grande avventura che è la OMEGON.

LA STRUMENTAZIONE

Non avevo ben chiaro cosa mi sarebbe stato spedito fino all’ultimo momento, avevo fatto richiesta di una montatura, e avevo l’idea di testare una serie di oculari Super Plossl OMEGON magari su un piccolo Newton/Telescopio per principianti, tipo il Newton 114/900 della OMEGON compreso di montatura EQ1, proposto ad un ottimo prezzo, ideale come primo strumento per il principiante, inoltre io ho sempre avuto una predilezione per i Newton. Invece… sono arrivati 2 scatoloni, uno dei quali piuttosto ingombrante sui quali vi sono in bella mostra gli adesivi con scritto il logo OMEGON e più sotto la scritta “Made in China”.

I due scatoloni

Ho iniziato ad aprire quello più piccolo e internamente una bellissima sorpresa, una serie di oculari tutti distribuiti dalla OMEGON, dei Super Plossl nelle focali di 25mm/20mm/17mm/4mm un paio di oculari Planetary ED da 12mm e 8mm, un paio di Kellner da 10mm e 25mm che sono la dotazione standard del telescopio che mi è stato spedito.. Un OMEGON Maksutov 127mm/1900mm F15……. non credevo ai miei occhi veramente, vi sono anche altre scatoline dove all’interno sono stipati un diagonale a specchio, il cercatore reflex red-dot con il proprio supporto, e infine un adattatore OMEGON per smarthphone o Iphone per la fotografia in afocale da proiezione di oculare, quest’ultimo accessorio mi piace in particolar modo dato che da un po di tempo mi sto dedicando proprio alla foto in afocale estemporanea. Il tutto è perfettamente stipato e in ordine e per fortuna non vi sono danni di alcun genere, il Maksutov l’ho estratto con molta attenzione, con una delicatezza che non mi ricordavo di possedere, il tubo è di un bel nero lucido proprio come piace a me, e di lato fa bella mostra in color ORO/Bronzo la scritta OMEGON. Nella parte superiore del tubo ottico vi è la basetta per serrare un eventuale cercatore, e nella parte inferiore è già presente una bella barra Vixen che percorre buona parte della lunghezza del tubo, posteriormente vi è il visualback per poter inserire e bloccare gli oculari o il diagonale astronomico, ma eventualmente anche un prismatico Di-Amici trasformando questo stupendo telescopio in un super performante spotting-scope di un certo livello non indifferente.

L’apertura del primo imballaggio con tutti gli accessori

La scritta OMEGON fa bella mostra di se contrastando con il colore del tubo

Gli accessori che mi sono stati recapitati sono veramente molti

Il secondo imballo invece contiene la montatura, dal peso della scatolone ammetto che pensavo si trattasse della OMEGON EQ 500, anche perchè quando fui contattato al telefono per la conferma della spedizione mi pare si fosse parlato della EQ 500, mi serviva una montatura.. la cosa incredibile e che lo pensavo non solo dopo aver aperto lo scatolone… ma anche mentre la scartavo e incominciavo ad assemblarla… solo dopo guardandola bene nel suo insieme c’era qualcosa che non mi quadrava, e ho avuto conferma semplicemente leggendo sul disco laterale della testa equatoriale che in realtà si tratta di una OMEGON EQ 300, non c’è che dire è robusta… sembra una EQ5 veramente.

Aprendo la scatola le prime cose che vengono alla luce sono il piatto porta oculari circolare, che serve anche da tirante per il treppiede aperto, inoltre è presente anche la lunga asta con avvitatura in cima e manopola a T dall’altra parte che serve per serrare il piatto portaoggetti nella parte inferiore della testa equatoriale passando dal treppiede nell’apposita bocchetta. Nella parte in alto è presente un ulteriore scatola bianca che mi appresto ad aprire successivamente all’aver rimosso i due appoggi in gomma spugnosa bianca sui quali appoggiano sia il piatto che la leva descritti prima.

scomparto superiore dell’imballo della montatura

Rimossi i primi due scompartimenti, sotto vi sono la vera e propria testa equatoriale, i flessibili per poterla utilizzare senza l’ausilio di motorizzazione (che purtroppo non è compresa), l’asta d’acciaio del bilanciere, un contrappeso da 4,7kg, e aprendo il cartone in alto vi è il treppiede vero e proprio, molto robusto, i gambi non sono i mediocri gambi a doppia sezione di alluminio che vedo in molte EQ5, ma con i gambi in acciaio di discreto spessore che indubbiamente aiutano a bloccare le vibrazioni in maniera più definitiva.

scomparto inferiore dell’imballo della montatura

Montare il tutto è stato a dir poco emozionante, e quello che mi sono ritrovato di fronte una volta completo è una meraviglia, non solo esteticamente per la forma, ma anche per il contrasto dei colori, per descriverlo in una parola semplice… “elegante nella forma”. Ammetto di trovarmi di fronte ad uno strumento ben fatto, praticamente perfetto per l’osservatore balconistico e planetario…. complimenti OMEGON.

[CONTINUA…]

L’Omegon Maksutov 127/1900mm F15 completo

1 commento


  1. Simona Enache ha detto:

    Famoso Galileo Galilei ha detto che la passione è la genesi del genio. Maurizio R., appassionato di astronomia, ha scritto un buon articolo di opinione, veramente interessante e utile. Bravissimo!

10.12.2019
Valuta
Assistenza
Consulenza
Contatti
Universe2Go