Carrello
è vuoto
Iscriviti a RSS Feed oppure ATOM Feed

Infografica: Momenti astronomici importanti nella primavera 2019

marzo 1 2019, Marcus Schenk

Quando le temperature diventano più miti, molti osservatori sono pronti ad uscire di nuovo regolarmente per ammirare il cielo stellato. Ed in primavera il cielo mostra un volto completamente diverso. Ma quali saranno gli eventi che varrà la pena osservare?

Il calendario celeste per i prossimi tre mesi: La nuova “infografica” astronomica “Momenti astronomici importanti nel cielo primaverile” vi mostra in breve cosa succede nel cielo da marzo a maggio 2019.


Marzo

3 marzo – Una “collana” di pianeti all’alba di Luna, Venere, Saturno e Giove

Vale la pena alzarsi presto: perché questa mattina vedremo i pianeti Giove, Saturno e Venere come se fossero perle attaccate ad un filo. Alle 6 circa ci sarà la luna all’orizzonte ad accompagnare questo spettacolo. Le costellazioni Scorpione e Sagittario sono i primi precursori dell’estate, ma ci vuole ancora molto tempo prima che si possano vedere nel cielo serale.

11 marzo – La luna incontra Marte

Sia ad occhio nudo che con l’aiuto di un binocolo la luna e Marte offriranno una bellissima scena. Entrambi si trovano molto vicini ad una distanza di soli 5 gradi. La luna cresce solo da 5 giorni e si mostra a noi come una falce.

16 marzo – Maniglia d’oro

Un evento molto affascinante: la maniglia d’oro sulla Luna. Come una maniglia di luce essa spezza la notte lunare appena al di là del Terminatore (linea grigia o zona crepuscolare). Mentre il cratere Sinus Iridum si trova ancora al buio, il sole illumina già la vetta contornata della catena montuosa del Giura. Un anello d’oro nell’oscurità.

27 marzo – La luna incontra Giove

In questa notte la luna sorgerà solo dopo la mezzanotte. Tuttavia, non sarà sola. Sarà accompagnata da Giove e vagherà con lui nel cielo per il resto della notte. Giove rimarrà poco sotto la luna ad una distanza di circa 50 secondi d’arco.

 

Aprile

5 aprile – Asteroide Iris in opposizione

Iris è uno dei più grandi oggetti catalogati della fascia degli asteroidi con  un diametro di circa 200 chilometri. Il 5 aprile entrerà in opposizione al sole e raggiungerà una magnitudine di 9,4.

9 aprile – Asteroide Pallade in opposizione

Questo mese l’asteroide Pallade entra in opposizione e raggiunge una magnitudine di 7,9. Quindi potrà essere visto a partire con l’aiuto di un binocolo, ed osservato sicuramente con un telescopio. Ma esso sembrerà solo un ulteriore puntino tra stelle. Tra il 10 e il 12 aprile Pallade passerà il luminoso η Boötis con una magnitudine di 2.6. Sarà facile vederli entrambi, poiché visibili in un unico campo visivo.

9 aprile – Incontro tra Luna, Marte e Aldebaran

La stretta falce di luna si mostrerà stasera, insieme a Marte e alla luminosa stella principale Aldebaran, nella costellazione del Toro.

11 aprile – Massima elongazione occidentale di Mercurio

Mercurio orbita velocissimo e vicinissimo intorno al Sole, così che non sarà possibile osservarlo in ogni momento. Ma adesso Mercurio si troverà ad una elevata distanza angolare di 27° dal sole. Tuttavia, non sarà possibile vederlo all’alba.

12 Aprile Virginidi

Lo sciame meteorico delle Virginidi ha origine dalla costellazione della Vergine. Tuttavia, lo sciame, con un massimo di 5 stelle cadute all’ora, sarà molto piccolo. Il miglior momento di osservazione è verso la mezzanotte.

22 aprile Liridi

La massima attività dello sciame meteorico delle Liridi è il 22 aprile con un numero variabile da 10 a 20 meteore all’ora. L’orario ottimale di osservazione è tra le 22:00 e le 4:00 del mattino. Prima di mezzanotte possiamo goderci la volta stellata senza la luna che ci ostacola. Il radiante, cioè il punto di partenza dello sciame si trova nella costellazione della Lira.

25 Aprile La Luna incontra Saturno

Stasera la luna farà un’altra visita al pianeta degli anelli. Potremo godere di questa bellissima vista nelle prime ore del mattino a partire dalle 3 circa. Sopra, in alto a destra brillerà il gigante gassoso Giove con una magnitudine di -2.4. Una tale catena lunare e planetaria è una buona occasione per realizzare delle foto molto affascinanti.

 

Maggio

6 maggio – Occultazione 61 Tau (per esperti)

L’orbita lunare attraversa la costellazione del Toro e le Iadi, per cui avvengono spesso interessanti occultazioni stellari di stelle luminose. Questa sera le stelle 61 Tau e 68 Tau saranno coperte dalla sottile falce di luna. Uno svantaggio: queste occultazioni si svolgono nel cielo diurno o appena sopra l’orizzonte all’inizio del cielo crepuscolare. Alle 19:18 CEST, la stella 61 Tau (ancora nel cielo diurno) scompare dal lato non illuminato della luna e riappare circa un’ora dopo dall’altro lato. Attenzione: al momento dell’occultazione il sole è ancora nel cielo. Non guardare il sole direttamente! A causa della luce del giorno, l’occultazione della stella non sarà visibile da tutte le posizioni.
Migliori opportunità di visibilità dell’occultazione sarà nella successiva, osservabile dalle regioni meridionali: alle 20:47 CET, la luna coprirà la stella 68 Tau, alle 21:30 CET apparirà nuovamente dall’altro lato.

8 marzo – La luna incontra Marte

La sera del 7 e dell’8 maggio la luna si incontrerà con Marte La falce di luna è illuminata solo dell’8,8 % ed apparirà molto delicata nel colorato cielo serale. Il 7 il pianeta rosso brillerà ad appena 5 gradi sopra la luna, la sera dell’8 invece la luna ha sorpassato Marte e passerà dal Toro alla costellazione dei Gemelli.

18 maggio – Luna blu

Luna blu è il nome con cui, in passato, si indicava la terza di quattro lune piene osservabili all’interno di una stessa stagione. Oggi, si parla di “luna blu” quando la luna piena cade due volte in un mese e si verifica circa ogni 2,5 anni. Naturalmente il nome non ha nulla a che fare con la luna piena la quale sarà sempre dello stesso colore.

20 maggio – Congiunzione Luna – Giove

Alle 22:30 CEST la luna e Giove attraversano l’orizzonte e nella seconda metà della notte vagheranno insieme fino all’alba. Per la maggior parte della notte saranno gli oggetti celesti più luminosi. Solo nelle prime ore del mattino sorgerà ad est la luminosa Venere.

Il PDF dell’infografica è disponibile tramite il seguente link.

 

Nuovo motore di messa a fuoco per i telescopi Celestron

febbraio 27 2019, Stefan Taube

Quando si tratta di astrofotografia, la corretta messa fuoco è la cosa più importante. Anche le migliori ottiche offrono immagini nitide solo se la posizione di messa a fuoco è corretta. La messa a fuoco motorizzata presenta due vantaggi rispetto alla messa a fuoco manuale: è priva di vibrazioni ed è molto precisa. Se si controlla a distanza il telescopio tramite PC, è sicuramente necessaria la motorizzazione.

Per i famosissimi telescopi SC del marchio Celestron esistevano quindi numerose soluzioni da diversi fornitori. Celestron offre ora il proprio modello,  motore di messa a fuoco per ottiche SC e EdgeHD.

Celestron Fokussiermotor für SC- und EdgeHD-Optiken

Motorizzazione Celestron per la messa a fuoco di ottiche SC e EdgeHD

 

Il motore si adatta a tutte le ottiche SC, EdgeHD e RASA, così come ai due nuovi Maksutovs con CGEM-II e supporto CGX. Fanno eccezione le ottiche costruite prima del 2006 e l’EdgeHD da 9,25″. Un adattatore aggiuntivo è necessario per il RASA 1100, in quanto il RASA 1100 è già fornito con un microfocus FeatherTouch. L’adattatore serve a smontare il focheggiatore per poter montare il motore.

Se si utilizza una montatura Celestron, l’alimentazione viene semplicemente fornita tramite la porta AUX del supporto. La fornitura comprende un cavo per questo scopo. Se tutte le porte AUX sul vostro supporto sono già occupate, usate semplicemente il Celestron Aux Port Splitter.

Il motore può essere controllato in tre modi:

  • Con il comando manuale NexStar+: È sufficiente premere il tasto MENU, selezionare Focuser ed è possibile utilizzare i due tasti freccia per controllare il motore e regolarne la velocità. È richiesta la versione 5.30+ del firmware installato. È possibile aggiornare il controllo Nexstar via Internet in qualsiasi momento. La pulsantiera non è adatta solo per l’osservazione visuale ma anche per l’astrofotografia con una DSLR, cioè senza computer portatile.
  • Con un computer portatile o un PC: se si utilizza il telescopio a distanza o si è collegata una camera per l’astrofotografia, è meglio utilizzare il programma gratuito Celestron Focuser Utility per Windows. Per fare questo, è necessario collegare la pulsantiera NexStar al computer tramite USB, non il motore di messa a fuoco stesso. Le nuove montature CGX e CGX-L possono essere controllati con il software Celestron PWI. Il focheggiatore può essere indirizzato anche attraverso questo programma. I modelli CGX e CGX-L possono essere collegati direttamente al laptop o al PC tramite USB escludendo la pulsantiera manuale.
  • Senza montatura Celestron: se si dispone di un’ottica Celestron movimentata con una montatura di un’altra marca, è possibile controllare il motore di messa a fuoco tramite la porta USB. La porta USB dovrebbe fornire 900mA. In alternativa all’alimentazione USB, è possibile azionare il motore di messa a fuoco anche attraverso la rete elettrica od una Powertank. Ad ogni modo, sono esclusi dalla fornitura sia il cavo che l’alimentatore esterno adatto allo scopo.

Il motore di messa a fuoco Celestron per ottiche SC e EdgeHD è un accessorio davvero utile e facile da adattare e utilizzare.

La donazione a Scopes4SEN

febbraio 13 2019, Anita Maier

Anche le persone disabili dovrebbero avere la possibilità di scoprire la Luna, i pianeti e le stelle attraverso un telescopio. Nel Regno Unito, Joanne e Patrick Poitevin hanno raccolto la sfida di trasformare questa idea in realtà, dando vita alla fine del 2015 al progetto Scope4SEN (Telescopes for Special Educational Needs). L’obiettivo è di mettere a disposizione di scuole e strutture per bambini con esigenze speciali e disabilità un telescopio, un binocolo e una grande quantità materiale didattico, tramite sponsor.

https://patrickpoitevin.weebly.com/uploads/4/6/8/1/46815569/header_images/1478982112.jpg

Le scuola o gli istituti che beneficiano di questa iniziativa ricevono anche il supporto necessario per poter usare telescopio e materiale. Finora, in 3 anni sono stati donati circa 600 telescopi, assieme ad altro materiale didattico come binocoli, meteoriti, oculari solari, libri, poster, riviste, microscopi stereoscopici e digitali, mappe celesti, vetri solari, lenti di ingrandimento, planetari, camere CCD ecc.

Picture

Abbiamo deciso di sostenere ancora questo progetto con una donazione del valore di oltre 10.000 euro, e auguriamo ai suoi fondatori un futuro di successi!

Offerta speciale! Binocolo solare Lunt 8×32

febbraio 12 2019, Stefan Taube

Un telescopio solare pratico come un binocolo od un binocolo con il quale osservare e studiare il Sole in modo sicuro come con un telescopio solare? Il Sunocular 8×32 di Lunt è proprio questo. Potete acquistare oggi questo straordinario strumento per l’osservazione del Sole al prezzo speciale di 98,- euro. Risparmiate così 121,- euro rispetto al prezzo di vendita consigliato!

Lunt Sunocular

Telescopio solare Lunt Solar Systems 8×32 Sunocular OD5

Il Sunocular 8×32 è dotato di un filtro interno dell’obiettivo con densità neutra 5, abituale in un filtro solare per l’osservazione visuale in luce bianca. Vi garantisce quindi di poter osservare il Sole senza alcun pericolo per gli occhi. Dal momento che i filtri sono fissi all’interno, il Sunocular 8×32 non è adatto come binocolo per l’osservazione terrestre. Per non creare alcun dubbio, lo abbiamo classificato semplicemente come telescopio solare.

Attraverso il Sunocular 8×32 potete osservare la fotosfera solare. In questo strato, dello spessore di circa 500 chilometri, si diffonde quasi l’intera radiazione solare nello spettro visibile. Sulla fotosfera sono osservabili le macchie solari in un ciclo di attività di undici anni. Attualmente, ci troviamo tra due cicli ed è per questo che sono visibili solo poche di queste macchie. Ciò è destinato però a cambiare rapidamente e quindi con questo strumento sarete attrezzati al meglio. Potrete osservare e studiare in ogni momento e da qualsiasi luogo il generarsi di una nuova macchia solare e la sua evoluzione giorno dopo giorno.

Il Sunocular 8×32 ha tutti gli elementi di un binocolo di queste dimensioni: messa a fuoco centrale, compensazione delle diottrie, conchiglie oculari regolabili, cinghia ed una sacca di trasporto molto robusta. Il rivestimento in gomma del binocolo lo rende molto maneggevole!

E in più: il Sunocular 8×32 è perfetto anche per osservare e studiare i pianeti davanti al Sole (transiti) e le eclissi solari!

 

Versione migliorata del LightBridge-Dobson di Meade

gennaio 7 2019, Stefan Taube

Nessun altro telescopio riproduce l’evento naturale del cielo notturno in modo così diretto come un Dobson. Assolutamente senza fotocamera o altri mezzi di scansione elettronica – armato solo di una lampada a luce rossa e di una mappa stellare – potete esplorare nebulose, ammassi stellari e galassie.

A parte il bel tempo, due cose sono necessarie per godere di questa osservazione: un telescopio della massima grandezza possibile e un cielo notturno oscuro. Un Dobson è un telescopio a specchio, il cui basamento è costruito in un modo relativamente semplice. In confronto ad altri telescopi, a fronte del vostro denaro ottenete dunque lo specchio di massime dimensioni. Il problema del cielo oscuro è invece di più difficile soluzione. Il telescopio Dobson dovrebbe essere trasportabile in auto per poter raggiungere una buona posizione di osservazione.

Un telescopio grande che possa essere trasportato in auto è di per sé una contraddizione. Che però viene risolta grazie ai Dobson con tubo a griglia:

Gitterrohrdobson

Questo Dobson della serie LightBridge può essere smontato senza bisogno di attrezzi.

Come mostra la figura, il telescopio può essere smontato in quattro parti relativamente piccole. Partendo da sinistra verso destra, queste sono la Rockerbox, la cassa dello specchio, le aste del tubo e il cappello con lo specchio secondario. Sul posto, il Dobson con tubo a griglia può essere montato senza attrezzi in pochi minuti.

Il costruttore Meade è stato con i suoi telescopi Dobson della serie Lightbridge uno dei primi a introdurre sul mercato questo principio costruttivo a un prezzo accessibile agli astronomi per passione. Ora siamo in grado di offrirvi la variante migliorata Lightbridge Plus.

Meade Dobson Teleskop N 254/1270 LightBridge Plus

Telescopio Meade Dobson N 254/1270 LightBridge Plus

Il nuovo LightBridge Plus è dotato di una Rockerbox migliorata. È un po’ più leggero, è dotato di maniglie incavate per il trasporto, di una vaschetta portaoculari preventivamente installata e di un freno a frizione per l’asse di elevazione. La cassa può essere smontata per il trasporto senza bisogno di attrezzi. Meade sta ora dotando questi telescopi di un migliorato estrattore di focale dell’oculare, provvisto di una vite micrometrica per la messa a fuoco di precisione, e fornisce pure un pregevole oculare da 2″, con una distanza focale di 26 millimetri.

Come già nella versione precedente, il LightBridge Plus dispone di un ventilatore dello specchio primario per un più rapido adattamento dello specchio alla temperatura ambiente. Naturalmente, l’ottica è completamente tarabile. Grazie al rapporto di apertura rapido, il tubo è relativamente corto e l’altezza di visione sullo zenit non è eccessiva.

Nel caso abbiate sempre desiderato un telescopio di grande apertura, ma non abbiate semplicemente mai saputo come trasportarlo, un LightBridge Plus è un’ottima scelta ad un buon prezzo!

Vi auguriamo un felice anno nuovo.

dicembre 31 2018, Anita Maier

Astroshop.it vi auguri un felice anno nuovo e molte osservazioni sottili.

Non vediamo l’ora essere disponibili per voi anche nel 2019 di nuovo con l’aiuto, la consulenza ed offerte speciali.

La tua squadra di Astroshop.it.

Un Dobson è il telescopio che fa per me? | con consigli sui prodotti

dicembre 30 2018, Anita Maier

Un telescopio Dobson o Goto? Una domanda alla quale è necessario trovare una risposta. Il telescopio va scelto in base a ciò che si desidera osservare o all’esperienza astronomica che si vuol provare.

Lo sapevi che esistono anche strumenti “un po’ Goto”?

E quindi, come scoprire se un telescopio Dobson fa al caso tu? Nella parte 1 di questo articolo abbiamo messo insieme alcune domande con le quali mettere a fuoco le tue preferenze.

Alla fine, nella parte 2, trovi dei consigli relativi a tre diversi prodotti, tre serie di telescopi con i quali vivere l’esperienza dell’osservazione astronomica.

 

Parte 1

Un telescopio Dobson corrisponde alle tue esigenze? Oppure meglio un telescopio con montatura parallattica? Ecco le domande per scoprirlo:

 

1. Vuoi solo osservare o anche fotografare?

Esistono due tipi di osservazione: quella visuale e quella fotografica. Cosa preferisci? Se propendi per l’esperienza visuale, allora la scelta ricade sicuramente su un Dobson.

1 Sì, mi interessa l’osservazione visuale.
2 Non so ancora, forse entrambi.
3 Fotografare per me è più importante rispetto all’osservazione visuale.

 

2. Cosa tieni più in considerazione? L’ottica oppure la meccanica e l’elettronica?

I telescopi Dobson consistono in un box di legno dotato di cuscinetti radenti, detto rockerbox, e di un telescopio riflettore newtoniano. La cosa più importante quindi è il diametro più grande del tubo. La meccanica infatti rimane semplice. Il vantaggio: un prezzo relativamente contenuto per un telescopio di grandi dimensioni, con il quale puoi vedere molto.

1 Do più importanza a un’ottica grande a un prezzo contenuto.
2 Non so decidermi, forse entrambi.
3 Sono fan della meccanica sofisticata, che muova il mio telescopio tramite regolazione fine e ruote elicoidali.

 

3. Montaggio veloce o puntamento preciso?

I telescopi Dobson sono composti di sole due parti. Il vantaggio: due pezzi sono facili da trasportare e da assemblare sul luogo dell’osservazione. Spesso sono molto più veloci da montare rispetto a un telescopio con treppiede, montatura parallattica, svariati contrappesi e tubo. Un telescopio Dobson non necessita nemmeno di orientamento al polo nord celeste, gli assi si muovono in entrambe le direzioni.

1 Voglio assemblare il mio telescopio velocemente, perché altrimenti non sono motivato e un montaggio complicato mi sarebbe di ostacolo.
2 Vorrei un Goto, ma solo se il montaggio non richiede troppo tempo.
3 Preferisco dedicare più tempo al montaggio e a un orientamento preciso.

 

4. Solo Luna e pianeti, oppure anche le galassie?

Un telescopio newtoniano di dimensioni medio-grandi è naturalmente perfetto anche per l’osservazione planetaria. Tuttavia il punto forte di uno specchio grande sta nella grande capacità di raccolta della luce. Ecco perché molti telescopi Dobson sono ideali per osservare nebulose e galassie. Se però sei interessato piuttosto alla Luna e ai pianeti, allora un telescopio rifrattore è la scelta migliore.

1 Voglio osservare nebulose e galassie.
2 Voglio osservare nebulose e galassie, ma come faccio a trovarle?
3 Mi interessano la Luna e i pianeti, ma da me c’è tanta luce e le galassie non si vedono bene. Un automatismo dovrebbe trovarle.

 

5. Alla scoperta del cielo, con una mappa celeste o con un sistema GoTo?

I telescopi Dobson sono quasi sempre strumenti governabili manualmente. Questo significa che non c’è un sistema Goto che permetta di trovare l’oggetto celeste di tua scelta premendo un pulsante. Dovrai (o potrai) muovere il tuo telescopio esclusivamente a mano per trovarlo, e sempre a mano inseguirlo. Ma quale vantaggio ci sarebbe? Semplice: la volta celeste diventerà in questo modo il tuo territorio, nel quale saprai orientarti come nessun altro. Diventerai davvero un esperto nella ricerca di oggetti deep-sky. E svilupperai la sensibilità per l’inseguimento. Il bello di tutto questo è che ci si diverte tantissimo. Ogni oggetto celeste individuato diventa un piccolo successo.

1 Certo, voglio trovare da solo gli oggetti con un telescopio Dobson.
2 Temo che qualche volta non riuscirò a orientarmi.
3 Proprio no, per la ricerca degli oggetti esistono i telescopi Goto.

 

6. Natura e stelle, senza tanta tecnologia?

Secondo chi lo usa, l’osservazione naturalistica con un telescopio Dobson è il massimo della soddisfazione. Non è la tecnologia a farlo funzionare. No, in primo piano c’è l’esperienza dell’osservazione astronomica, senza il rumore dei motori.

1 Voglio vedere il cielo stellato e la natura in modo semplice ma efficace.
2 Vorrei poter scegliere di ricorrere a un po’ di tecnologia.
3 No, questa faccenda dell’uso manuale non fa al caso mio. La tecnologia più moderna e i sistemi Goto per me sono la cosa più importante.

 

Le tue risposte

Se per la maggior parte delle domande hai scelto la risposta 1, allora sei assolutamente un dobsonauta e dovresti procurarti al più presto un telescopio Dobson. Cosa ne pensi dei tre esempi che trovi più sotto?

Se hai scelto principalmente la risposta 2, allora ti piace l’osservazione con un Dobson, ma ti attirano anche i sistemi Goto. Il Push+ telescopio con navigatore di Omegon (vedi sotto) potrebbe essere la soluzione.

Se invece hai scelto soprattutto la risposta 3, allora dovresti orientarti su un sistema Goto. Trovi qui una vasta scelta.

 

Parte 2

Abbiamo in serbo tre telescopi Dobson: Omegon Advanced X Dobson per principianti, Omegon ProDob per i più pratici e gli esperti, e Omegon Push+ con tecnologia Push-to.

 

Il telescopio Omegon Advanced X Dobson: per il principiante dell’osservazione deep-sky

Questi telescopi rappresentano un primo passo conveniente nell’osservazione visuale deep-sky. Esplora gli ammassi stellari, le nebulose planetarie e a idrogeno, e perfino le galassie con braccia a spirale. A partire da 200 mm di apertura dell’obiettivo questo telescopio ti mostra centinaia di oggetti interessanti. Chi vuole più luminosità può optare per un Omegon Advanced X N 254/1200 oppure per un vero cannone in fatto di luce, l’Omegon Advanced X N 304/1500. Naturalmente sono possibili anche le gite lunari e planetarie.

Se non vuoi spendere troppo, ma cerchi un buon telescopio con un eccezionale rapporto prezzo/prestazioni, allora l’Omegon Advanced X è lo strumento che fa per te.

Omegon Advanced X 203/1200

 

L’Omegon ProDob: un Dobson deluxe con un eccellente sistema di frizione

I telescopi ProDob Dobson sono dotati di un focheggiatore Crayford 2″ particolarmente buono e di un pregiato sistema di frizione. Quando l’oggetto è centrato nel tubo, l’inseguimento diventa ancora più preciso, perfino con ingrandimenti elevati. Non ci saranno vibrazioni o cose simili (come succede con gli strumenti dotati di cuscinetti in teflon), perché questo telescopio quasi si libra nell’aria. Il motivo sta nel sistema di cuscinetti a sfera nell’asse dell’altezza e nei cuscinetti a rullo in azimut. E in aggiunta a questo, l’attrito può essere regolato in base alle tue esigenze. Ingrandimenti elevati quindi sono possibili anche con un Dobson.

Omegon Dobson Teleskop ProDob N 203/1200

Il ProDob di Omegon è disponibile in diverse aperture:

– ProDob N203/1200 con diametro 8″
– ProDob N254/1200 con diametro 10″
– ProDob N304/1500 con diametro 12″
– ProDob N406/1850 con diametro 16″

 

Omegon Push+: un telescopio Dobson che si manovra con lo smartphone

Con l’Omegon Push+ Dobson è come partire ogni volta per un viaggio nello spazio, verso pianeti, nebulose e galassie. Non dovrai essere particolarmente pratico della volta celeste, perché con un sistema Push-to questo telescopio ti porta verso qualsiasi oggetto tu voglia osservare. Ti basta uno smartphone Android e la app SkySafari 4.0.

In questo modo i telescopi Omegon Push+ e Push+ Mini fanno da ponte tra i Dobson a gestione completamente manuale e i sistemi Goto. “Un po’ Goto”, per così dire, perché il Push+ è pur sempre manovrabile a mano, come un Dobson, ma tramite l’encoder ad alta risoluzione il sistema ti porta verso qualsiasi oggetto celeste. Lo smartphone fa allo stesso tempo da display e da orientamento nella volta stellata, mentre un reticolo ti mostra la posizione del telescopio in tempo reale. In qualsiasi momento puoi decidere di ricorrere all’aiuto del sistema Push-to, oppure di muovere in modo completamente manuale. Bello poter scegliere. ualsaisOmegon Dobson Teleskop Push+ mini N 150/750 Pro

L’Omegon Push+ è disponibile con tubo da 200 mm (8″) oppure nella versione Push+ Mini con tubo da 150 mm (6″):

– Omegon Dobson Push+ mini N 150/750 Pro
– Omegon Dobson Push+ mini N 150/750
– Omegon Dobson Push+ mini N 150/750 Skywatcher

Ampliate i vostri orizzonti: mappamondi con realtà aumentata

dicembre 28 2018, Anita Maier

Columbus, uno dei maggiori produttori di mappamondi, ha una storia ricca di tradizione. Dagli anni Cinquanta la Serie Duo viene prodotta a mano in Germania. Il lavoro artigianale e la tradizione non escludono però le idee innovative. Ancora oggi Columbus lo dimostra: la nuova 4D Globus App per iPhone e iPad conferisce al vostro mappamondo Duo una dimensione completamente inedita!

Grazie alla più recente tecnologia, questa app permette di visualizzare informazioni aggiuntive riguardanti il meteo o le caratteristiche dei paesi riportati sulla superficie del mappamondo. Una assoluta novità è la rappresentazione animata dell’interno della Terra. Tutti i mappamondi Duo, anche i modelli precedenti, hanno tutto ciò che serve per la Realtà Aumentata –  bastano pochi clic! Date un’occhiata qui al nostro assortimento di mappamondi Duo. L’app si scarica gratuitamente dall’Apple Store.

Anche altri produttori si sono dedicati alla realtà aumentata.Oregon Scientific ha messo sul mercato una nuova gamma di mappamondi per bambini, che porta i giovani esploratori in un viaggio intorno al mondo. Speciali effetti 3D con animali, dinosauri e paesaggi particolari invitano tutta la famiglia a fare scoperte emozionanti! Allo stesso tempo vengono fornite informazioni interessanti su continenti, culture e paesi.

La realtà aumentata fa coppia con la più precisa tecnologia 3D: con questa combinazione l’azienda americana AstroReality produce mappamondi in rilievo unici e ricchi di dettagli. La app vi mostra, per esempio, tutto ciò che si può scoprire sulla superficie di Marte – per darvi la possibilità di intraprendere la vostra personalissima passeggiata marziana, senza tuta spaziale.

Ma anche senza ulteriori contenuti i modelli planetari sono dei veri gioielli, con una sensazione tattile inimitabile. Ogni appassionato dell’universo non potrà più fare a meno di tenere in mano il suo globo AstroReality !

Buon Natale

dicembre 24 2018, Anita Maier

Come ogni anno… il Natale è alle porte. I primi giorni freddi sono ormai passati e ora ci scaldiamo godendoci il brulé caldo tra le mani. E le limpide notti invernali!

Infatti, nell’ultimo anno su Astroshop.de sono state molte le novità emozionanti per l’osservazione astronomica; ora che la notte di san Silvestro si avvicina, le vogliamo di nuovo condividere con voi. E a concludere, un consiglio astronomico natalizio.

Astroshop in olandese

Il sito belga Astromarket fa ora parte di Astroshop. Il team rafforzato adesso fornisce consulenza anche i nostri clienti olandesi e belgi nella loro lingua madre. Un effetto collaterale positivo: i clienti di lingua tedesca possono beneficiare tra l’altro da un assortimento più ampio, e di un nuovo showroom in Hasselt, poco lontano dal confine con il Belgio vicino ad Aquisgrana.

Telescopi Meade con assistenza distributore
Da agosto Astroshop è distributore ufficiale del famoso marchio MEADE per Germania, Austria, Svizzera e altri 12 paesi europei. I nostri esperti sono formati specificatamente sui prodotti Meade, e questo significa che su Astroshop trovate in qualsiasi momento consulenze competenti e una assistenza tecnica a tutto tondo.

Le vostre immagini panoramiche con MiniTrack LX2

La Omegon MiniTrack LX2 è una montatura da viaggio completamente meccanica ed estremamente compatta, con la quale potete riprendere magiche immagini della volta stellata. La rivista Sky & Telescope ha insignito questo top-bestseller del prestigioso riconoscimento „Hot Product 2019“.

 

Inoltre: trovate tantissime altre novità, promozioni e news nel nostro blog su Astroshop.de. Oppure seguiteci su Facebook!

Consiglio: osservare la cometa di Natale
Puntuale, la sera della Vigilia ci aspetta un evento astronomico: la cometa 46P/Wirtanen. Questo Natale ci porta uno spettacolo splendente: il 16 dicembre, la cometa si è trovata tra le Pleiadi e le Iadi, mentre nelle settimane a seguire rimane visibile sia col binocolo che e a occhio nudo nel cielo della sera. Con l’anno nuovo l’emozione si rinnoverà grazie alla prossima eclissi totale di Luna, il 21 gennaio.

Vi auguriamo tante ore limpide da trascorrere sotto al cielo stellato e tranquille feste in famiglia e con gli amici. Vi ringraziamo per la vostra fiducia e non vediamo l’ora di trascorrere con voi un 2019 felice e ricco di successi astronomici.

Tutta la volta celeste a portata di mano: il Flux di Sega Toys Planetarium

dicembre 20 2018, Betty Lux

Più di 60.000 stelle che brillano solo per te – e senza dover uscire di casa! Ti suona familiare? Ma certo, perché di sicuro conosci già il ben collaudato planetario portatile Pro Original di Sega Toys Homestar. Ora c’è il suo successore, ovvero il planetario portatile più potente e avanzato finora disponibile sul mercato: il Flux di Sega Toys Homestar.

Da un punto di vista puramente estetico, Sega Toys ha dato a Flux un look del tutto nuovo: ora è disponibile anche in una elegante veste color nero opaco. Inoltre, anche la confezione è stata resa eccezionalmente pregiata e sicura, e fa battere forte il cuore dei veri fan della science fiction, perché ricorda i grandi classici del cinema.

Guardare le stelle, dal divano di casa

Ma non solo il design, anche la tecnologia è diversa. Con una capacità di 5 watt le stelle brillano sul soffitto non solo più luminose, ma anche con un contrasto sensibilmente maggiore. La messa a fuoco è stata migliorata, quindi con Flux è ancora più facile regolare la nitidezza, e anche il movimento del proiettore è più silenzioso – per un grande relax durante l’osservazione!

A integrazione dei due dischi di proiezione già inclusi, per il nuovo Flux sono disponibili svariati nuovi dischi, tra cui per esempio „Aurora Borealis“, che proietta stupende aurore. Il disco Sistema Solare fa fluttuare i pianeti dell’universo sul soffitto, per una vera esperienza “spaziale”. Infine, i nuovi dischi sono anche compabili con il precedente modello Homestar Pro Original!

Il planetario Homestar Flux è in pronta consegna, un regalo di Natale perfetto. Non aspettare e ordina subito il tuo il tuo Flux!

21.10.2019
Spediamo in tutto il mondo
Valuta
Assistenza
Consulenza
Contatti
Universe2Go